Provincia di Salerno

Ritratto/Autoritratto

Provincia di Salerno
Accedi alla Web Mail Seguici sulla nostra pagina facebook Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS Seguici su google plus
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Eventi del giorno
Home Page » Archivi » Eventi in agenda » Eventi del giorno » Ritratto/Autoritratto
Icona menu
Ritratto/Autoritratto
Luogo: Pinacoteca Provinciale di Salerno
Evento dal 25-03-2017
al 23-04-2017

Mary Cinque - Eliana Petrizzi - Francesca Poto - Angela Rapio
a cura di Massimo Bignardi
inaugurazione 25 marzo 2017 ore 18.00

comunicato stampa

Sabato 25 marzo presso la Pinacoteca Provinciale di Salerno, alle ore 18:00 sarà inaugurata la mostra Ritratto / Autoritratto, che propone le opere di Mary Cinque, Eliana Petrizzi, Francesca Poto e Angela Rapio, quattro artiste che provengono da ambiti di ricerca e da generazioni diverse.
L’esposizione si inserisce, come secondo momento di riflessione del confronto tra esperienze attuali e il senso che il ‘museo’, nella concezione propria del Novecento, assume oggi alla luce di nuovi incipit culturali e sociali. Il progetto, promosso dall’Associazione CAFI, con il patrocinio della Provincia di Salerno e del Museo-FRaC,Baronissi è stato curato da Massimo Bignardi ed ha preso il via lo scorso anno con la mostra “Le Stanze del Museo”: essa mirava a riproporre il museo quale luogo di ‘accadimenti’, in pratica laboratorio aperto che sollecitava «un momento di riflessione sulla contemporaneità – rilevava il curatore – posto in relazione con la dimensione iconografica tipica del museo, sul suo farsi luogo di una visione che, partendo dal reale, dai soggetti raffigurati, andava e va a confluire in un mondo di pura astrazione. Dialogo, quindi, tra tempo e opera, tra la memoria che l’idea di museo evoca e il senso di effimero al quale inducono i linguaggi contemporanei».
Con Ritratto / Autoritratto l’attenzione si sposta ulteriormente, avvicinandosi e sfiorando il diretto rapporto, l’implicazione esistenziale che l’artista ha nell’esperienza propria dello statuto dell’arte: il ritrarre quale esercizio di uno scavo interiore che, nel caso specifico delle opere allestite nelle sali principali della Pinacoteca Provinciale di Salerno, le quattro artiste hanno voluto sintetizzare ideando delle installazioni. In esse il ritratto o, meglio ancora l’autoritratto, acquista il valore di ‘luogo’ dell’accadimento, ma anche di corpo che si dà nello spazio scenico e della spettacolarizzazione qual è il museo oggi. Il ritratto/autoritratto non risponde più al bisogno di “universali”, implica altro: «si sposta, rileva Bignardi, dall’ immediato ‘riconoscimento’. Parla del tempo, di quello che accompagna la dura prova di un serrato, iterato dialogo con se stessi».
Eliana Petrizzi nell’installazione Egomorphosys, propone un «racconto per frammenti privati – scrive l’artista –, una sorta di galleria che mette a nudo i luoghi del mio sguardo, figure determinanti del mio passato e del mio presente, precisi modelli soprattutto di assenza, declinati attraverso il colore rosso che, in virtù della sua frequenza ctonia, accende connotati emozionali». Per Mary Cinque il ritratto è un cerimoniale di “caccia”: «ritraggo, avverte l’artista, proprio come se stessi facendo un safari fotografico, la mia savana è la città e i miei animali gli esseri umani. Ho un’ossessione per certi colori, certi nasi, il modo di camminare di alcune persone, certe scarpe, certi cappelli».
Nei cinque atti scenici de “Il lupo e il rosso” Angela Rapio tenta una strada alternativa all’autoritratto: sono immagini, afferma, «che nascono da un inesprimibile … o semplicemente da un medium. Le forme, le scritture, i segni non sono mai astrazione per me. Essi appartengono al mio vissuto e al mio immaginario. Risultano essere, piuttosto, un’estrazione. Un’estrazione che vuole dialogare empaticamente».
L’installazione che Francesca Poto ha ideato per la sala centrale è un omaggio a Amy Winehouse: «l’ispirazione a ritrarla, spiega l’artista , mi è venuta dalla visione del video tratto dall’album Back to Black: un video in bianco e nero, dove il lutto per la perdita di un amore è espresso con immagini dall’impronta dark, con forti contrasti».


Ufficio stampa: Ciro Manzolillo


orario della mostra: martedì-sabato 9:00-19:00 / domenica 9:00-13:00 / lunedì chiuso


Condividi questo contenuto

In questa pagina

  • Eventi del giorno
- Inizio della pagina -

Il Portale della Provincia di Salerno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note Legali - Posta Elettronica Certificata - Webmail

Provincia di Salerno - Via Roma, 104 - Salerno (SA), 84121 - Centralino 089 614111  -  Fax 089 2022099 - Partita Iva: 80000390650

Il progetto Provincia di Salerno è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it