Provincia di Salerno

"Poesì". Incontri culturali dedicati alla lettura critica della "Commedia di Dante". Domenica 1 luglio alle ore 11.00

Provincia di Salerno
Accedi alla Web Mail Seguici sulla nostra pagina facebook Entra nel nostro canale YouTube Seguici tramite feed RSS Seguici su google plus
Ricerca assistita
Ricerca assistita
Mentre digiti nella casella di ricerca la funzione di completamento automatico ti offre diverse soluzioni di ricerca
Eventi del giorno
Home Page » Archivi » Eventi in agenda » Eventi del giorno » "Poesì". Incontri culturali dedicati alla lettura critica della "Commedia di Dante". Domenica 1 luglio alle ore 11.00
Icona menu
"Poesì". Incontri culturali dedicati alla lettura critica della "Commedia di Dante". Domenica 1 luglio alle ore 11.00
Luogo: Museo Archeologico Provinciale di Salerno
Evento dal 27-06-2018
al 01-07-2018
Museo Archeologico Provinciale di Salerno - foto 3

La poesia e il sogno di felicità nel canto XXII del Purgatorio

Nel settimo libro della sua “Tebaide”, Stazio descrive un devastante terremoto (“E già la crosta della terra si alza e sta per staccarsi, la superficie trema e un fitto polverone comincia a levarsi, nella campagna già si diffonde un muggito proveniente dagli Inferi”). Nel canto XXI del “Purgatorio”, preceduto da un vasto terremoto, Stazio incontra Dante ma questa volta è un tremare di gioia, un inno al Signore perché un’anima (quella di Stazio) ha scontato la sua pena, s’è purificata, ed è pronta per la luce e la letizia del Paradiso. Dante, Virgilio e Stazio formano subito un musicale dialogo, quasi una pausa nel difficile viaggio lungo la montagna sacra. Il canto XXII, che sarà letto e analizzato da Rino Mele (Fondazione di Poesia e Storia Exmachina) domenica mattina 1 luglio alle 11, nelle sale del Museo Archeologico Provinciale, ne è straordinaria continuazione: Virgilio chiede a Stazio come abbia fatto, lui pagano, a riconoscere la luce del vero Dio e salvarsi. Stazio, turbato dalla domanda, gli dice di aver trovato la verità proprio nelle pagine di Virgilio la cui opera lui tanto ha amato, e soprattutto dalla lettura della IV ecloga delle “Bucoliche”. È la più grande lode che Dante, attraverso le parole di un altro poeta, possa fare al suo maestro. “E prima appresso Dio m’alluminasti”, continua Stazio nell’esaltare Virgilio. Nell’ecloga IV Virgilo esprime un ideale di assoluta purezza e molti autori (tra i quali Sant’Agostino) pensarono che Virgilio alludesse - con la forza profetica che i grandi poeti sanno raggiungere - alla venuta di Cristo, alla sua nascita: “E il bambino che nascerà, con cui avrà fine per la prima volta / la stirpe de ferro e quella d’oro sorgerà nel mondo intero”. 


Condividi questo contenuto

In questa pagina

  • Eventi del giorno
- Inizio della pagina -

Il Portale della Provincia di Salerno è un progetto realizzato da Internet Soluzioni S.r.l. con la piattaforma ISWEB ® - Content Management Framework

Responsabile del Procedimento di Pubblicazione - Privacy - Note Legali - Posta Elettronica Certificata - Webmail

Provincia di Salerno - Via Roma, 104 - Salerno (SA), 84121 - Centralino 089 614111  -  Fax 089 2022099 - Partita Iva: 80000390650

Il progetto Provincia di Salerno è sviluppato con il CMS ISWEB® di Internet Soluzioni Srl www.internetsoluzioni.it